Unione Sportiva PONTEDECIMO 1907 ciclismo AD
Stella d'oro al merito sportivo CONI

  • Giro dell'Appennino
  • Il record della Bocchetta ha compiuto 15 anni

    Il record della Bocchetta ha compiuto 15 anni

    Era il primo maggio 2003. 86 corridori sono al via del 64° Giro dell’Appennino, un’edizione classica, con la partenza e l’arrivo in Piazza Arimondi, “Baracchino” per gli abitanti di Pontedecimo un po’ avanti in età. La sfida è tra Gilberto Simoni e Stefano Garzelli: sono i vincitori del Giro d’Italia del 2000 e del 2001, e sono i favoriti per il Giro d’Italia che avrebbe preso il via di lì a 10 giorni. C’è anche un altro vincitore del Giro d’Italia, è Pavel Tonkov, non più ai livelli del triennio 1996-1998, che lo vide una volta vincere e due volte arrivare secondo, anche se nell’ultimo Giro aveva vinto a Folgaria, e si era classificato al quinto posto finale. Con il dorsale numero 1 parte Giuliano Figueras, vincitore dell’edizione precedete.

    Leggi tutto

Tempi della scalata

Da Giuseppe Buratti (1954) sino ad arrivare ad Fausto Masnada, la scalata al Passo delle Bocchetta, rappresenta la "corsa nella corsa" che ha visto i più grandi scaltori primeggiare.

Leggi tutto

I record della Bocchetta a confronto

ll mito del Passo della Bocchetta, la salita delle streghe, dorme in attesa di svegliarsi e far sentire ai corridori che la regina è ancora lei, con le sue rampe, con la sua storia e con la sua bellezza.

Leggi tutto

Un dislivello che non perdona

E' la salita simbolo del Giro dell'Appennino e non solo. Salendo dalla sponda ligure, il Giro dell'Appennino l'ha affronata da entrambi i versanti: il classico da Campomorone, e quello da Cravasco.

Leggi tutto

La Bocchetta: la storia della Valpolcevera

Il Passo delle Bocchetta è un valico storico poiché da queste parti passava la romana Via Postumia, fatta costruire nel 148 a.C. dal console romano Postumio Albino.

L'antico tracciato romano valicava l'Appennino poco distante, a levante dell'attuale passo, in corrispondenza dei pianori denominati "Pian di Reste" (Cian de Reste in ligure), proseguiva quindi verso Nord seguendo la sommità del crinale tra la val Lemme e la valle Scrivia sino a Fiaccone e oltre.

Leggi tutto

Facebook