Unione Sportiva PONTEDECIMO 1907 ciclismo AD
Stella d'oro al merito sportivo CONI

  • Home
  • Curiosità
  • Bitossi battezza il Team Lan Service e ricorda l'Appennino

Bitossi battezza il Team Lan Service e ricorda l'Appennino

Diciotto anni di professionismo. Centosettanuno corse vinte. Più anni sulla carta d'identità di quanti ne dimostra realmente. Un carisma eccezionale. Questi sono solo alcuni dei pregi di Franco Bitossi, una leggenda vivente del ciclismo italiano, che nella giornata del 22 febbraio 2018, è intervenuto alla presentazione del Team Lan Service, l'unica realtà Elite e U23 presente in Liguria, che giunge al secondo anno di vita, con molte novità, proprio a cominciare dallo sponsor principale.

Franco Bitossi, toscano di Carmignano, chiamato "cuore matto" per i problemi cardiaci che lo hanno rallentato durante la sua attività agonistica, è stato intervistato da una delle voci storiche liguri della Rai, Emanuele Dotto, e insieme a lu ha ricordato molti aneddoti della sua lunga e brillante carriera, in particoalre soffermandosi sul legame con la Liguria, dove ha vinto il Trofeo Laigueglia, ma mai il Giro dell'Appennino, dove si è invece piazzato due volte secondo, alle spalle di Dancelli nel 1967 e di Gimondi nel 1972. Non per questo, Bitossi non si è emozionato nel rivedere se stesso negli scatti in bianco e nero dell'arrivo a Pontedecimo dell'epoca, ricordando esattamente le sensazioni, le emozioni e i passaggi della più antica corsa ligure. Accanto a Bitossi sul palco di presentazione, Silvano Parodi, direttore di corsa del Giro dell'Appennino.

Accanto a Bitossi, ad augurare il meglio ai ragazzi del Team Lan Service, Luigi Zaimbro e Giulio Ricciardi, due vecchie glorie del ciclismo ligure e uno dei nuovi volti del gruppo, il fontanino doc Luca Raggio, neoprof della Wilier Triestina. A presentare gli atleti e lo spirito della squadra, nella particoalre location dell'Istituto Alberghiero "Marco Polo" di Calvari, il presidente Roberto Portunato, accanto al General Manager Gianni Pederzolli, il Team Manager Leonardo Rovatti e ai Direttori Sportivi Giuseppe De Maria, Giampiero Passarino e Luciano Gori, pronti ad affrontare la Coppa San Geo il prossimo sabato.

Gli atleti U23 sono dodici, Luca Limone, Manuel Belloni, Davide Pellis, Davide Finatti, Matteo Bertrand, Stefano Frigerio, Stefano Gianuzzi e Federico Micheletti, con la presenza di quattro liguri come Loris Calipa e Simone Mammoliti, provenienti dall'estremo ponente e dei gemelli Daniel e Patrick Nastasi, di Rapallo.
E' stato inoltre sottolineato l'investimento nel futuro anche con la presentazione degli atleti Juniores, tesserati in Piemonte, quali Tommaso Rosa, Mattia Guasco, Ilario Cagnazzo, Simone Carrò, Federico Aimaro, Guglielmo Ruzza, Marco Buoncristiani e Edoardo Mazzucco; a loro, si uniscono due liguri, Antonio Vernengo di Moconesi e Andrea Azzaro di Cogorno.

Un passaggio di testimone, quindi, tra vecchie e nuove glorie liguri, che si spera possa portare ad un futuro il più glorioso e soddisfacente possibile per questa nuova realtà, di cui il ciclismo in Liguria ha fortemente bisogno.

Share on Pinterest
Uci Europe
Coni
Fci
Aocc
Acsi Ciclismo
Lega ciclismo
Facebook